Sono molto stressata dal lavoro. Di notte non riesco a staccare la spina e non dormo bene da molto tempo. Il mio medico mi ha prescritto dei farmaci per i disturbi del sonno. Mi aiutano a dormire, ma c'è il rischio che possa diventare dipendente? Non c'è un altro modo meno rischioso?

SafeZone.ch ha risposto a questa domanda:

I disturbi del sonno sono spesso legati allo stress. Quando qualcosa ci fa star male, abbiamo difficoltà a trovare la pace e la tranquillità di cui abbiamo bisogno per addormentarci. Il sonno ristoratore è essenziale per la salute. Le possibili conseguenze della privazione ricorrente del sonno sono la stanchezza cronica, i problemi di concentrazione, la mancanza di energia, la depressione, le malattie cardiovascolari, l'aumento della suscettibilità alle infezioni e il rischio di incidenti. È quindi molto importante prendere sul serio i disturbi del sonno e agire non appena si manifestano.

A volte, seguire alcune regole per una buona igiene del sonno è già sufficiente per migliorarne la qualità. Può trovare dei consigli utili, ad esempio, sul sito della SUVA.

Oltre agli esercizi di respirazione e di rilassamento per preparare il corpo alla tranquillità della notte, potrebbe essere necessario assumere dei rimedi. La gamma è molto vasta e va dalle tisane calmanti naturali, agli oli essenziali, ai farmaci da prescrizione con effetti molto forti.

A causa dei loro possibili effetti collaterali, i sonniferi dovrebbero essere presi solo se assolutamente necessari. I farmaci più comunemente usati sono quelli del gruppo delle benzodiazepine. Il loro effetto ansiolitico e rilassante favorisce il sonno. Tuttavia, le benzodiazepine contengono una sostanza che crea dipendenza. L’assuefazione può avvenire già dopo poche settimane. Dovrebbero quindi essere utilizzati unicamente per un breve periodo di tempo per il trattamento di gravi disturbi del sonno.

Le cause dei disturbi del sonno sono molteplici. Essi variano da persona a persona e il trattamento deve essere determinato caso per caso. Vale quindi la pena di discutere con il Suo medico le possibili alternative ai sonniferi che Le ha prescritto.


Domande di persone direttamente toccate

Ho bevuto molto e ho preso l'MDMA quattro giorni fa, 300 mg in totale. Dopo 30 minuti, i miei occhi sono diventati grandi, la mia mascella si è mossa avanti e indietro e ho avuto delle brutte allucinazioni. Da allora sono depresso, ho mal di testa e non riesco a concentrarmi. Di cosa si tratta?

Ciao a tutti, volevo sapere perché il rivotril non mi fa più effetto anche in dosi elevate (20-30mg). Grazie in anticipo😉

Da circa un anno prendo delle anfetamine (0.5-1g) ogni giorno, ogni tanto anche dei crystal (solo per far festa, quando dopo ho 2 o 3 giorni liberi!!). Ho una vita "normale", mangio normalmente, lavoro, ho molti interessi e hobby, vado a dormire (durante la settimana) intorno alle 23. Ho due domande: 1. Sono sportivo, vado in palestra 3 volte alla settimana, vado a correre 2 volte alla settimana e faccio ogni giorno circa 20 minuti di yoga. Posso fare sport sotto l'effetto di anfetamine? Non faccio competizioni e, a parte un'ora di jogging, il resto non mi stanca. In passato ho corso anche 2 mezze maratone e 1 maratona. Ci sono pericoli? 2. Se voglio stare sveglio più a lungo la sera per lavorare al computer, mi faccio ancora 2 linee da un quarto di grammo (qualità molto buona). Nelle ultime due settimane sono stato molto stanco dopo circa mezz'ora. Come è possibile?

Desidera una consulenza online personale e professionale?

Siamo a disposizione per una consulenza online anonima e gratuita.