Farmaci – Informazioni su rischi, effetti ed effetti collaterali

Medicamenti e alcol: una combi­nazione pericolosa

Il consumo simultaneo di medicamenti e alcol può essere fatale; diversi giovani sono morti in Svizzera a causa di questa combinazione.

Ulteriori informazioni

In Svizzera, ogni giorno più di 400'000 persone assumono farmaci. Si tratta principalmente di sonniferi e tranquillanti, che vengono utilizzati per trattare l'ansia, i disturbi del sonno, le epilessie e le convulsioni. Tuttavia, se usati in modo improprio e assunti per un lungo periodo di tempo, i sonniferi e i tranquillanti possono creare dipendenza.

Secondo stime approssimative, 60’000 persone sono dipendenti da medicamenti. Le benzodiazepine rappresentano la categoria di farmaci che rischiano maggiormente di creare dipendenza, ma anche gli antidolorifici e gli stimolanti come il metilfenidato svolgono un ruolo importante.

Quali gli effetti principali e collaterali di sonniferi e tranquillanti?

Le benzodiazepine e analoghi hanno un’azione sedativa-ipnotica e sono quindi utilizzati anche come sonniferi. Possono causare disorientamento, problemi di coordinazione dei movimenti e disturbi della coscienza. Poiché possono influire sulla respirazione, la somministrazione endovenosa o l’interazione con altri medicamenti possono provocare una depressione respiratoria. Anche l’alternanza delle fasi di riposo può subire disturbi: la durata del sonno diminuisce, l’indomani si prova una sensazione da «dopo sbornia» e si fa fatica ad addormentarsi. Il consumo di benzodiazepine si ripercuote anche sulla capacità di condurre un veicolo, che può diminuire di molto o essere completamente compromessa.

Interazioni

L’assunzione simultanea di benzodiazepine e altre sostanze o farmaci quali alcol, neurolettici, GHB/GBL (le cosiddette «gocce KO»), oppioidi, antidolorifici, sonniferi e barbiturici, può potenziare l’azione tranquillante delle singole sostanze, con un rallentamento del ritmo respiratorio, che può anche giungere all’arresto. Anche la combinazione di alcol con antidolorifici oppiacei e alcol con benzodiazepine è pericolosa per la vita. Inoltre, la tossicità delle benzodiazepine, in sé ridotta, può essere considerevolmente aumentata dall’assunzione simultanea di altri sedativi. Il consumo simultaneo di alcol e benzodiazepine può provocare amnesia, cioè perdita di memoria.

Desidera una consulenza online personale e professionale?

Siamo a disposizione per una consulenza online anonima e gratuita.

Conseguenze dell’uso di benzodiazepine a lungo termine e dipendenza dai farmaci

L'uso quotidiano di benzodiazepine può portare alla dipendenza con sintomi di astinenza dopo poche settimane. La dipendenza si manifesta con un forte desiderio o una sorta di costrizione ad assumere farmaci, una ridotta capacità di controllo, sintomi di astinenza fisica e psicologica, uno sviluppo della tolleranza e una progressiva trascuratezza degli hobby e degli interessi. Inoltre, l'abuso di farmaci continua nonostante le evidenti conseguenze dannose.

Un consumo a lungo termine può pregiudicare la memoria, il pensiero e altre funzioni cognitive. Può inoltre provocare gli stessi sintomi per combattere i quali le benzodiazepine sono state prescritte: ciò spinge ad aumentare le dosi, senza per questo riuscire a smorzare i sintomi, e facilita l’instaurarsi di una dipendenza.

Effetti delle benzodiazepine durante la gravidanza

Di norma prima di assumere qualsiasi medicamento le donne incinte o che allattano dovrebbero consultare il loro medico. Durante la gravidanza e l’allattamento è meglio rinunciare alle benzodiazepine, eccezion fatta su espressa indicazione medica. L’assunzione durante il primo trimestre implica rischi per il feto, quali lo sviluppo di una cheiloschisi («labbro leporino»). Verso la fine della gravidanza le benzodiazepine possono comportare un’ipotonia (diminuzione del tono muscolare) nel neonato. Un consumo regolare durante l’intera gravidanza può indurre nel neonato sintomi di astinenza. Poiché le benzodiazepine passano nel latte materno, durante l’allattamento possono avere sul bambino un effetto sedativo.

Ulteriori informazioni sull'uso di farmaci

Preferisce una consulenza presso un servizio specializzato nella Sua regione?

Su Indexdipendenze.ch trova i servizi attivi in tutta la Svizzera.

Le vostre domande e le nostre risposte sull'abuso di farmaci e la dipendenza ai farmaci

Sono molto stressata dal lavoro. Di notte non riesco a staccare la spina e non dormo bene da molto tempo. Il mio medico mi ha prescritto dei farmaci per i disturbi del sonno. Mi aiutano a dormire, ma c'è il rischio che possa diventare dipendente? Non c'è un altro modo meno rischioso?

Come smettere di prendere il Minias per dormire. Ne faccio uso da 1 anno, 20 gocce la sera.

Ho una persona che ha espresso una richiesta d'aiuto per una forte dipendenza da benzo e alcool cosa devo fare?