Anfetamina (speed)

La sostanza

L’anfetamina è una sostanza sintetica, nota per le sue applicazioni farmaceutiche ma soprattutto come droga stimolante. Sul mercato nero, di solito, è chiamata “speed” ed è spacciata in polvere o cristalli, più raramente sotto forma di compresse. Di solito è tagliata con caffeina. Il suo grado di purezza può essere molto vario. Raramente contiene altre droghe (ad es. metanfetamina) oppure nuove sostanze sintetiche di cui non si conoscono gli effetti, che potrebbero anche essere pericolosi. Chi consuma questa sostanza dovrebbe adottare alcune precauzioni.

Effetti principali e collaterali

L’anfetamina sollecita il sistema nervoso centrale e induce il rilascio di stimolanti endogeni (noradrenalina, adrenalina e dopamina). In tal modo, l’organismo è messo in uno stato di tensione analogo a quello che insorge in situazioni di pericolo: la frequenza cardiaca accelera, la pressione sanguigna e la temperatura corporea aumentano, mentre la fame e la stanchezza diminuiscono.

Gli effetti principali e collaterali variano da un individuo all’altro, e dipendono da molti fattori quali la costituzione fisica, ma anche il dosaggio della sostanza, la sua purezza e la situazione nella quale viene consumata. L’anfetamina può provocare una sensazione di maggior forza e resistenza, euforia, ma anche irrequietezza, paranoia e umore depressivo, con disagi fisici quali tachicardia e contrazioni muscolari. A dosi elevate può essere allucinogena. I pericoli acuti che possono presentarsi sono collasso cardiocircolatorio, ictus, insufficienza organica multipla e perdita di coscienza prolungata. Una complicanza sottovalutata è l’aumento della temperatura corporea, che può giungere fino a 41ºC e portare così l’organismo a un surriscaldamento e una disidratazione tali da comportare un rischio anche letale. Quando gli effetti si attenuano, la persona prova sovente un forte bisogno di dormire, è di umore depressivo e irritabile.

Le persone che consumano anfetamina affermano che le rende leggermente più aggressive del solito, soprattutto se combinata con l’alcol. Questa interazione, inoltre, aumenta il rischio di un’intossicazione da alcol.

Consulenza via mail

Domande?

Qui si accede alla consulenza via mail

Chat

Al momento non ci sono chat previste su questo argomento.

 

Allerte

Si informi sulle sostanze dannose per la salute attualmente in circolazione.

Acceda alle allerte attuali

Conseguenze a lungo termine

Poiché l’organismo sviluppa un’assuefazione alla sostanza, il consumo ricorrente obbliga ad aumentare le dosi per ottenere lo stesso effetto. Di conseguenza, può instaurarsi rapidamente una dipendenza con sintomi psichici. L’assunzione regolare su un lungo periodo debilita l’organismo e può provocare danni al cuore e ad altri organi interni. Tra le alterazioni visibili vi sono infiammazioni cutanee, con ascessi tipici di chi fa uso di questa sostanza, e odontopatie. Il consumo di anfetamina può essere accompagnato da rinopatie e gastropatie, e da problemi psichici quali depressione, paranoia e psicosi. Non vanno inoltre sottovalutate le ripercussioni che disturbi del sonno prolungati possono avere a livello psicofisico.

Effetti durante la gravidanza

L’anfetamina può indurre fenomeni di carenza nella gestante e, di conseguenza, un insufficiente apporto di sostanze nutritive al feto. Attraverso il sistema circolatorio, inoltre, la sostanza passa anche nel bambino, e ciò può comportare, in seguito, gravi disturbi di sviluppo e comportamentali. Può anche provocare doglie premature.

Fonti e approfondimenti

Cifre e fatti: www.dipendenzesvizzera.ch
Informazioni mediche: www.medico-e-dipendenze.ch
Informazioni per un consumo sicuro (“safer use”):
www.know-drugs.ch; www.saferparty.ch; www.danno.ch