Newsletter No. 06 | Maggio 2017

Introduzione

En ligne! A partire da metà luglio, SafeZone.ch offrirà consulenza anche in francese. Attualmente è in corso la formazione degli specialisti che saranno attivi su SafeZone.ch. Il processo di consulenza esclusivamente per iscritto, il contesto anonimo e la trasparenza sul web rappresentano una sfida anche per i consulenti esperti. La formazione di SafeZone.ch offre loro la possibilità di acquisire sicurezza mediante esempi di consulenze reali nonché scambi con mentori navigati. Il consulente online Klaus Fieseler rivela nell’intervista come vengono formati e motivati gli specialisti.

Tra i fattori fondamentali per garantire la qualità di SafeZone.ch figura – accanto al perfezionamento – la valutazione. Vista l’attività piuttosto limitata emersa dal rapporto di valutazione 2016, il forum è ora ripensato sotto forma di tool di domande e risposte, dove gli interessati possono, senza doversi registrare preliminarmente, leggere le risposte a domande frequenti sulle dipendenze, ma anche postare le loro domande e lasciare dei commenti sui contributi. Anche le risposte sono redatte da specialisti appositamente formati nella consulenza online. In questo numero trovate maggiori informazioni su questa offerta anonima e gratuita.

La prossima newsletter, che uscirà in settembre, sarà dedicata in particolare alla nuova offerta e ai nostri partner nella Svizzera romanda.

Vi auguriamo una piacevole lettura – per la prima volta in tre lingue!

Alwin Bachmann, Lucia Galgano, Salomé Steinle
Responsabili del progetto SafeZone.ch

Evaluation SafeZone.ch (in tedesco)

Formazione in materia di consulenza online

Perché una formazione supplementare?

La consulenza online su SafeZone.ch è assicurata da esperti del settore delle dipendenze che, oltre a vantare una formazione in psicologia, assistenza sociale, pedagogia sociale o equivalente, hanno all’attivo un’esperienza pluriennale di consulenza faccia a faccia in questo campo. A quale scopo, quindi, una formazione supplementare? Perché quella online, pur essendo una forma di consulenza a pieno titolo, si serve di canali di comunicazione scritti come le mail o le chat che non permettono di applicare le stesse modalità della consulenza faccia a faccia e richiedono competenze specifiche. Al fine di garantire una consulenza online di qualità, la partecipazione alla formazione organizzata da Infodrog rappresenta pertanto una condizione sine qua non per entrare a far parte del team di SafeZone.ch. Nel corso di due giornate, i partecipanti hanno la possibilità di acquisire i fondamenti teorici della consulenza online, di confrontarsi con esercizi pratici basati su domande anonimizzate realmente poste dagli utenti e di familiarizzarsi con il programma utilizzato per la consulenza online su SafeZone.ch. La formazione è tenuta in parte da collaboratori di Infodrog, ma perlopiù da esperti nel campo della consulenza online in grado di trasmettere la loro esperienza in materia ai nuovi membri del team virtuale. Maggiori informazioni sono fornite nell’intervista all’esperto in consulenza online e mentore di SafeZone.ch, Klaus Fieseler.

Formazione SafeZone.ch

Un affiancamento che va oltre le due giornate di formazione
Al termine delle due giornate la formazione prosegue con l’aiuto di un mentore, un consulente online che ha al suo attivo diversi anni di esperienza. In un primo momento gli esperti si esercitano rispondendo a domande anonime tratte dagli archivi di SafeZone.ch. Nel caso di consulenze via mail, sottopongono le loro risposte al mentore, che esprime poi commenti e proposte in merito. Dopo cinque esercizi e con l’accordo di quest’ultimo, cominciano quindi a rispondere alle domande in arrivo su SafeZone.ch ma, prima di inviare le risposte agli utenti, le trasmettono al mentore e, se necessario, le modificano sulla base dei suoi commenti. Invece nel caso di consulenze via chat, gli esperti trasmettono i log (dialoghi) delle prime cinque/dieci chat di consulenza al mentore, che esprime anche in questo caso i suoi commenti. Il mentore può anche essere presente nelle chat di gruppo, in modo da poter intervenire qualora l’esperto incaricato di moderare la chat dovesse avere dei dubbi. Nel caso dei forum, infine, l’attività di mentorato si svolge sotto forma di un coaching effettuato a seconda delle necessità.

Un apprendimento continuo
Concorrendo a garantire la qualità della consulenza online, il mentorato è parte integrante della formazione dei collaboratori di SafeZone.ch. Dopo essere stati affiancati da un mentore, gli esperti possono cominciare a fornire consulenza online senza più dovergli chiedere un feedback. Tuttavia, tramite intervisioni regolari (effettuate mediante chat di gruppo interne), messaggi privati o forum interni, essi avranno sempre la possibilità di rivolgersi ai colleghi in caso di dubbi e difficoltà nonché di condividere con loro ogni esperienza positiva, traendo così beneficio dalla diversità di competenze che contraddistingue il team di SafeZone.ch. Proprio questo scambio costituisce un elemento fondamentale dell’intero progetto, e la formazione un’importante occasione per conoscere personalmente gli altri collaboratori di SafeZone.ch. Per il nuovo team virtuale di lingua francese, la formazione ha avuto luogo il 3 e il 10 maggio 2017.

Intervista

«Vi è un aspetto per il quale la consulenza online si distingue sostanzialmente da quella effettuata di persona in un centro di consulenza.»

Quattro domande a Klaus Fieseler, mentore di SafeZone.ch.

Intervista

Videoclip di SafeZone.ch

Forum

Da forum a tool di domande e risposte

Tra gli elementi importanti per garantire la qualità di SafeZone.ch figuravano l’accompagnamento scientifico e la valutazione della fase pilota. Il rapporto di valutazione elaborato nel 2016 ha constatato che l’attività all’interno del forum in lingua tedesca era relativamente modesta. Sono pertanto state raccomandate misure volte a stimolare l’attività all’interno del forum e la partecipazione alle chat e a rendere i contenuti più attrattivi per gli utenti registrati. Il forum è ora concepito come rubrica di domande e risposte, e adeguato meglio ai bisogni e all’utilizzazione da parte degli utenti. L’offerta è disponibile sulla pagina in lingua tedesca a partire da metà luglio.

Quali sono le novità?
Nella rubrica di domande e risposte, gli utenti trovano rapidamente le risposte a domande frequenti sulle dipendenze. Possono inoltre formulare le loro domande e lasciare dei commenti: è così conservata l’idea iniziale di community. Le domande e le risposte sono visualizzate in ordine cronologico. Con “La domanda del mese” sarà possibile affrontare un tema specifico e dar vita a una discussione anche attraverso altri canali di comunicazione, come Facebook.

Cosa cambia per gli utenti?
Come in passato, gli utenti possono postare i loro contributi. L’esperienza del forum ha tuttavia mostrato che vi è maggior bisogno di risposte concrete che di discussione. Siccome le domande sono accessibili pubblicamente, gli utenti possono accedere alle risposte che riguardano le domande già pubblicate senza doversi registrare. Come finora, tutte le risposte sono redatte da specialisti di SafeZone.ch appositamente formati nella consulenza online. Gli utenti non devono rivelare dati personali: l’offerta è infatti anonima e gratuita.

Forum

Agenda

22.05.2017 dalle 20.00 alle 20.45
Giocati dal gioco: gruppo d'auto aiuto. La chat è destinata a persone che desiderano saperne di più e persone che desiderano raccontare la loro esperienza per dare una mano.

22.05.2017 dalle 21.00 alle 21.45
Chat individuale sul gioco d'azzardo - Una consulente con più di 20 anni di esperienza potrà darti una mano

23.05.2017 dalle 20.15 alle 21.00
Incontro di chat individuale, uno spazio anonimo e individuale!

30.05.2017 dalle 20.15 alle 21.00
Chat individuale – Un confronto con un professionista ingaggiato in un servizio per le dipendenze

Tutte le chat

Chat

Il vostro team SafeZone.ch

Per ulteriori informazioni
www.safezone.ch