Il mio ragazzo non si droga più da cinque anni, ma è ancora in cura con il metadone. Ultimamente, dice che vorrebbe smettere con il metadone. Lui è sicuro che non farà mai più uso di droghe, ma io ho paura che faccia una ricaduta. Mi preoccupo troppo?

SafeZone.ch ha risposto a questa domanda:

Il Suo ragazzo ha fatto qualcosa di straordinario. È riuscito a stare lontano dalla droga per cinque anni. Ora vorrebbe farlo anche senza medicamenti. Il desiderio di ritrovare la salute dopo anni di dipendenza e di non voler più assumere farmaci è comprensibile. Questo desiderio comporta però anche dei rischi, perché non va sottovalutato il sostegno dei farmaci per superare il "craving", quell'irresistibile impulso di fare uso di droghe.

La decisione di rinunciare completamente ai farmaci deve essere considerata con attenzione e devono essere presi in considerazione diversi aspetti. È importante, ad esempio, sapere da quanto tempo la persona fa uso di droghe, poiché una lunga fase di uso è piuttosto sfavorevole a una completa cessazione dell'assunzione di farmaci. Inoltre, è necessario prendere in considerazione anche l’eventuale consumo di alcol o di cannabis, oltre al metadone. È anche importante che la persona abbia una buona rete di relazioni di fiducia che possa fornire aiuto in caso di necessità. Se il "craving" dovesse ripresentarsi, sarebbe utile disporre di un piano di emergenza elaborato in precedenza. Una vita quotidiana regolamentata e un'occupazione significativa sono anche d’aiuto.

Inoltre, l'accompagnamento medico e terapeutico deve assolutamente continuare dopo l'astinenza e durare diversi anni.

In caso di astinenza completa, si deve procedere con cautela e ridurre gradualmente l'assunzione di metadone. È necessario pianificare un lasso di tempo sufficiente per la disintossicazione. Se una ricaduta si verifica dopo un lungo periodo senza farmaci, potrebbe essere molto pericolosa a causa dell'alto rischio di overdose, poiché il corpo non è più abituato alla droga. Pertanto, molti medici che si occupano di dipendenze raccomandano cautela. Le situazioni devono quindi essere analizzate caso per caso e la decisione deve essere presa in modo responsabile con un medico.


Altre domande da parenti e amici

Mio marito è finalmente sobrio grazie all’Antabus, ma è tornato da una cena con i colleghi con la faccia tutta rossa, aveva la nausea e sudava molto. Giura di aver bevuto solo acqua e Coca Cola. Per me, potrebbe essere l'effetto dell'alcol. Mi sta ancora mentendo o c'è un'altra spiegazione per questi sintomi?

Buon giorno . Da tempo frquento un uomo . Ultimamente fa uso di cocaina, non so esattamente da quando . Prima in mia presenza non "sniffava " ora si mi aveva chiesto aiuto ho dato a lui questo sito .Ma ora ho paura che mi aveva mentito e chiedermi aiuto e stato solo per cambiare discorso .Mi sa che non vuole smettere . Come lo posso capire quali sono i segniali ? E se io lo lasciassi sarebbe megio per lui ?o e megio stargi vicina ??. Io lo amo ma ho tanta paura vederlo stare male e non essere in grado di gestire la situazione .

Il mio ragazzo è dipendente dalla cocaina e ha cercato di smettere molte volte in passato, ma ogni volta ha avuto una ricaduta. Non importa come reagisco... se sono comprensiva, arrabbiata, se gli do un ultimatum... non cambia niente. Non so cos'altro posso fare per lui.

Desidera una consulenza online personale e professionale?

Siamo a disposizione per una consulenza online anonima e gratuita.