Cannabis

La sostanza

La canapa è una pianta della famiglia Cannabacee, di cui esistono tre varietà: cannabis indica, cannabis ruderalis e cannabis sativa. Diverse sue parti sono consumate come sostanza stupefacente, sotto forma di hashish (in gergo “dope”, “shit”, “fumo”) o marihuana (“erba”).

Tra le circa 400 sostanze chimiche che contiene la canapa, il tetraidrocannabinolo (THC) e il cannabinolo (CBD) hanno importanti effetti psicoattivi. Di solito la cannabis è fumata, più raramente aggiunta a bevande (ad es. tè) o alimenti (ad es. yogurt), oppure utilizzata come ingrediente (ad es. di torte o biscotti).

Effetti principali e collaterali

Come per ogni altro stupefacente, anche in questo caso gli effetti dipendono molto dalla dose assunta, ma anche dalla qualità della sostanza (concentrazione, presenza di diluenti e additivi). Il tasso di sostanza attiva e la combinazione dei cannabinoidi cambiano secondo la varietà di canapa. Alcune varietà hanno un’azione piuttosto rilassante, altre leggermente allucinogena. Gli effetti, di solito, cominciano dopo qualche minuto. L’assunzione per via orale ne rallenta l’insorgere, che però è più repentino, con esiti più lunghi. Gli effetti psichici, inoltre, dipendono molto dallo stato d’animo della persona al momento del consumo e dalle circostanze nelle quali si trova.

Aumento della pressione sanguigna, accelerazione del ritmo cardiaco, arrossamento degli occhi e nausea figurano tra gli effetti fisici più acuti. A livello psichico, la canapa intensifica nettamente lo stato d’animo. La persona si rilassa e prova una sensazione di pace interiore, ma può anche sentirsi demotivata ed entrare in una disposizione piuttosto passiva. Questo, a sua volta, ostacola i pensieri e riduce l’attenzione e la concentrazione. In caso di dosi elevate e varietà che contengono poco CBD, possono insorgere problemi cardiocircolatori (fino al collasso), le sensazioni possono esacerbarsi in modo sgradevole e, nel peggiore dei casi, possono intervenire umore depressivo e paranoia.

Il THC scompare dalla circolazione sanguigna in modo relativamente rapido; assieme ai suoi metaboliti si accumula invece nei tessuti adiposi e in diversi organi (fegato, polmoni, milza e miocardio).

Consulenza via mail

Domande?

Qui si accede alla consulenza via mail



Chat attuali

ven. 29 set. '17
16:00 - 17:00

Chat individuale

Moderazione: SafeZone-Gilda

Chat attuali

lun. 02 ott. '17
14:00 - 14:45

Chat individuale: scommetti su te stesso

Moderazione: SafeZone-Gemma

Chat attuali

mar. 03 ott. '17
20:15 - 21:00

La canapa e i giovani, voce ai genitori

Mio figlio fuma THC! Spazio di parola e di confronto per i genitori, all'interno del quale è pos...

Moderazione: SafeZone-Milly

Chat attuali

ven. 06 ott. '17
16:00 - 17:00

Chat individuale

Moderazione: SafeZone-Gilda

Chat attuali

mar. 10 ott. '17
20:15 - 21:00

Chat individuale, consumo, ne vorrei parlare ma preferisco non espormi!!

All'interno di questo spazio potrete esprimervi e porre tutte le domande in maniera aninoma.

Moderazione: SafeZone-Milly

Chat attuali

ven. 13 ott. '17
16:00 - 17:00

Chat individuale

Moderazione: SafeZone-Gilda

Chat attuali

mar. 17 ott. '17
20:15 - 21:00

Il mondo delle sostanze

Ci sono molte sostanze, diverse tra loro, che fanno paura ma attraggono, qui potrete porre tutte ...

Moderazione: SafeZone-Milly

Chat attuali

mar. 24 ott. '17
20:15 - 21:00

Le sostanze!

Potete proporre voi il tema più nello specifico di cui volete parlare.

Moderazione: SafeZone-Milly

Conseguenze a lungo termine

Il consumo regolare comporta ripercussioni fisiche relativamente ridotte. Poiché di solito il fumo di canapa è inalato più profondamente ed è tenuto più a lungo nei polmoni rispetto a quello di tabacco, gli spinelli sono tuttavia più dannosi delle sigarette. Più gravi di quelle fisiche sono considerate invece le conseguenze psichiche e sociali, che dipendono però molto dalla situazione personale del consumatore. Vi è il pericolo che, in caso di dipendenza prolungata, si presentino problemi psichici quali depressione, ansia patologica e disturbi della personalità.

Effetti durante la gravidanza

Gli studi sulle ripercussioni che il consumo di canapa da parte della gestante può avere sullo sviluppo del neonato (dimensioni e peso) non sono giunti a risultati univoci. Tuttavia, considerata l’importante funzione degli endocannabinoidi (sostanze prodotte dall’organismo) per lo sviluppo del cervello nel feto, si ritiene che la gravidanza sia una fase delicata. Alle donne incinte si consiglia pertanto di rinunciare, oltre all’alcol, alla nicotina e ad altre droghe, anche alla canapa.

Fonti e approfondimenti

Cifre e fatti: www.dipendenzesvizzera.ch
Informazioni mediche: www.medico-e-dipendenze.ch
Informazioni per un consumo sicuro (“safer use”):
www.know-drugs.ch; www.saferparty.ch; www.danno.ch